Tuesday, April 14, 2020

Emergenza Coronavirus - Come fare scorte se ci sono pochi soldi

Abbiamo visto come organizzarci per fare delle scorte, e il punto focale del discorso era incentrato sul comprare il più possibile per poter poi evitare di andare a fare la spesa più spesso. Ma se il problema invece è che non abbiamo tanti soldi da spendere per le scorte, e in più i prezzi al supermercato sono saliti, come facciamo? Ecco alcuni consigli…


Che sia perché la nostra azienda ha chiuso e non riceviamo più lo stipendio, sia che abbiamo un negozio di prodotti non esistenziali e quindi abbiamo dovuto chiudere, sia che siamo lavoratori autonomi o piccoli imprenditori che non hanno più lavoro in questo periodo, o sia che anche già da prima avevamo difficoltà finanziarie, molti di noi in questa situazione trovano difficile andare a fare la spesa.

Per fortuna ora, proprio in questi giorni, molti hanno la possibilità di ricevere il pacco alimentare o i buoni di spesa che lo Stato sta dando a disposizione ai singoli comuni. Ma ciononostante, e anche per coloro che non ne hanno diritto, bisogna trovare altri modi per risparmiare. Come facciamo una spesa sufficiente se non abbiamo abbastanza denaro?

Queste potrebbero essere delle idee:
  1. Cambiamo totalmente sistema: molti prezzi di alcuni prodotti sono molto aumentati, quindi scoviamo quelli dei prodotti che costano meno, anche se non sono i nostri consueti. Per esempio, se le arance sono troppo care, prendiamo i kiwi, o un’altra frutta qualsiasi che abbia i prezzi più bassi.
  2. Nella frutta e verdura guardiamo i prodotti di fine stagione che hanno notoriamente i prezzi più abbordabili. La frutta mangiamola per merenda per l’apporto di vitamine.
  3. Tra la verdura compriamo patate, carote e cipolle che sono meno care, e hanno una grande versatilità in cucina. Inoltre, se prendete un paio di lattughe, mischiate con carote grattugiate fanno un’ottima insalata da mangiare come antipasto, per riempire bene lo stomaco e mangiare moderatamente dopo… funziona 😉! E vi aiuta sempre con l’integrazione vitaminica. Potete preparare l’insalata così, metterla in contenitori nel frigo non condita, e vi durerà alcuni giorni.
  4. Se al supermercato manca la farina, possiamo certo usare la semola di grano duro, anche integrale. Però è un po’ cara, quindi bisogna considerarla nel budget.
  5. Per quanto riguarda il lievito, se proprio non c’è, e non abbiamo la pasta madre a casa, allora potremmo idealmente anche usare il lievito per dolci, ma non quello vanigliato. Ho provato una volta a fare il pane così e ha lievitato abbastanza bene.. purtroppo nel mio supermercato non lo vendono non vanigliato. Altrimenti un’altra possibilità è quella di fare il pane azzimo, senza lievito…
  6. Pane: se non ci fosse altra soluzione potremmo eventualmente comprare del pane, scegliamo quello che costa di meno, di solito i filoncini, e a casa tagliamolo a fette, poi tagliamo le fette in due (per renderle più piccole e farlo durare di più) e mettiamo tutto in freezer. Un’ultima possibilità, che onestamente vi consiglio, è quella, semplicemente, di non mangiare pane, e utilizzare altre risorse di carboidrati come pasta, riso e patate.
  7. Pasta: compriamo la pasta che costa il minimo, ce ne sono di tutti i prezzi, e facciamo scorta di quella. Non è male come sapore e poi dipende tutto dal condimento.
  8. Riso: almeno nel mio supermercato, il riso che costa di meno è quello per minestre: ma fa un ottimo risotto! Quindi non vi preoccupate del tipo di riso che trovate a poco, compratelo e fatelo valere nelle vostre ricette!
  9. Polenta: dipende dai supermercati, ma a volte si può trovare la polenta a pochissimo, quindi compratela! Rende molto nella cottura e possiamo preparare dei piatti molto sazianti che sono frugalissimi.
  10. Legumi: guardate i prezzi e comprate legumi secchi, tutte le varietà che trovate e che vi piacciono.
  11. Scatolame e condimenti: prendete della passata di pomodoro o i pelati a poco, li trovate sicuramente anche in questo periodo, qualche scatoletta di tonno economica, e fornitevi di olio d’oliva, sale fino e grosso, e pepe.
  12. Uova: comprate il pacco da 10 o da 12 che di solito costano di meno.
  13. Formaggi e salumi: se potete evitateli del tutto…
  14. Carne: stessa cosa, ma se proprio non potete farne a meno, non spendete più di 2,50/3 Euro al chilo… guardate le offerte se ci sono, o i prodotti vicino alla scadenza…
  15. Prodotti per la colazione: caffè, tè, latte a lunga conservazione e zucchero bianco. Per dolce, se non avete la possibilità di farne in casa, e non avete il pane su cui spalmare una eventuale marmellata… mangiate la frutta.  Se avete del pane potete anche semplicemente scaldarlo in forno e mangiarlo così, senza niente, e se vi piace, inzuppatelo!
  16. Non comprate altro. Niente prodotti confezionati di alcun tipo, niente surgelati. Fine.


Lo so che molti di voi penserebbero: è in atto una pandemia, siamo tutti in quarantena, quasi nessuno lavora, è tutto fermo… mi serve tanto cibo sfizioso per consolarmi… ma questa è una trappola.
Il senso di questo post è di dare speranza a chi non ha sufficiente denaro per comprare grandi quantità o varietà. Con alcuni accorgimenti, e cambiando mentalità, ovvero rinunciando a ciò a cui siamo abituati a mangiare, possiamo riuscire ad avere sufficiente cibo in casa, e ad andare avanti almeno fino alla fine di questa quarantena. Pensiamo bene ad ogni prodotto, e cerchiamo di comprare saggiamente.

Della serie Scorte in tempo di coronavirus:


FASE 1: La lista della spesa intelligente per i cibi
FASE 2: Lista della spesa intelligente per prodotti casa e igiene personale
FASE 3: Cosa cuciniamo
FASE 4: Pianificazione dei pasti
FASE 5: Come fare una scorta da tre settimane
APPENDICE: Come surgelare le verdure per fare provviste

(Se ti è piaciuto questo post, puoi seguirmi su Facebook o iscriverti via e-mail, per ricevere tanti altri consigli frugali!)

No comments:

Post a Comment

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...